domenica 16 novembre 2008

Crostata al Cognac

Ieri sera ero invitata a cena con amici da Anna&Sandro. Sandro è geniale, non solo in cucina. Prepara sempre dei menu originali, piatti elaborati, abbinamenti insoliti, usa in modo elegante le spezie, creando sapori ricercati... Eh, ve l'ho detto che è un genio!
Ovviamente, per pubblicare un suo menu, aspetto la sua autorizzazione, intanto serbo le foto in ricordo di questa cena autunnale (in attesa che, se vorrà, mi mandi le ricette).

Il mio contributo è stato modestissimo, e oltretutto, non proprio ben riuscito... Nel senso che, secondo me, il ripieno al Cognac e cannella della torta che vi presento, doveva essere più fluido, in modo da incorporare completamente le mele, invece, nonostante abbia cercato di diluirlo, è rimasto denso e colloso, quindi difficile da distribuire. Per questo motivo, vi presento la ricetta originale, ma vi anticipo che probabilemente dovrete aggiungere latte e Cognac o ridurre le dosi di farina. Comunque la torta era buona, niente da dire, ma si sa, il cuoco non è mai soddisfatto al 100% e ricerca sempre la perfezione!

Ingredienti per 6 persone

Per la pasta:
260 g di farina | 160 g di burro | un tuorlo | 30 g di zucchero | sale
Per il ripieno:
250 g di mele Granny Smith | 120 g di farina | un uovo | 2 cucchiai di latte | 60 g di zucchero | 20 g di burro | 3 cucchiai di Cognac | un cucchiaino di cannella in polvere | zucchero a velo

Per la pasta, mettete 250 g di farina a fontana, ponete al centro un pizzico di sale, lo zucchero, 150 g di burro morbido a fiocchetti e il tuorlo. Amalgamate gli ingredienti, formate una palla, avvolgetela nell'alluminio e fatela riposare in frigo per almeno un'ora.

Per il ripieno, lavorate l'uovo con lo zucchero, unite la farina setacciata con la cannella, incorporate poco alla volta il latte e il Cognac, sempre mescolando, e infine unite il burro fuso.


Sbucciate le mele, privatele del torsolo e tagliatele a fettine sottili. Stendete la pasta nello spessore di 4 mm, trasferitela in uno stampo di 22 cm di diametro, imburrato con i 10 g di burro rimasti e infarinato, e bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta.

Versate uno strato di pastella al Cognac sul fondo della torta e ricopritelo con fettine di mele; ripetete gli strati fino ad esaurimento degli ingredienti. Spolverizzate la superficie della torta con abbondante zucchero a velo e ponete lo stampo in forno 180º per circa 45 minuti.


Tratto da SALE&PEPE, Novembre 2008

7 commenti:

  1. bello la crostata , molto invitante ...brava!

    RispondiElimina
  2. Sì, guarda, è davvero buona, la prossima volta però adotterò alcuni accorgimenti per renderla ancora più speciale...

    RispondiElimina
  3. aspetto la versione extra lusso..anche se questa mi pare già stupenda! :)

    RispondiElimina
  4. Grazie mille Lo!!! Quanto prima mi cimenterò e darò i numeri giusti!!!

    RispondiElimina
  5. complimenti per menù completo io ho apprezzato molto le sarde mi sempra una ricetta veramente splendida

    RispondiElimina
  6. Grazie Gunther!! a presto! Silvia

    RispondiElimina
  7. Si’ bisogna aumentare i liquidi nella pastella, lo ho fatto anche io ed il risultato e' stato eccellente.
    Chiara

    RispondiElimina

Lascia un'impronta passando di qui...

i più cucinati della settimana

Related Posts with Thumbnails

ipse dixit...

  • meglio un asino vivo che un dottore morto! (zia laura)
  • quel che non strangola... ingrassa! (zia laura)
  • non ti curar di lor, ma guarda e passa (dante alighieri)
  • the most important thing is to enjoy life - to be happy - that's all that matters (Audrey Hepburn)
  • ho imparato tante cose qui... non solo a cucinare, ma una ricetta molto più importante: ho imparato a vivere. Ho imparato ad essere qualcosa di questo mondo che ci circonda, senza stare lì in disparte a guardare... (dal film Sabrina)
  • ergastolo in vita! ai lavori "sforzati"! (zia laura)
  • "calandra" (cioè cassandra), verace sempre, creduta mai... (zia laura)
  • tutti i nodi vengono al petto (laura)

gocce di rugiada

  • one step at the time
  • siamo qua tre giorni con ieri l'altro
  • chi semina vento raccoglie tempesta
  • chi semina raccoglie
  • chi si ferma è perduto
  • tutto il mondo è paese
  • meglio soli che male accompagnati
  • meglio tardi che mai...
  • aiutati che il ciel t'aiuta
  • finché c'è vita c'è speranza
  • cuor contento ciel l'aiuta!
  • gratis et amore dei
  • via il dente, via il dolore!
  • chi si accontenta, gode!
  • sursum corda!