martedì 3 febbraio 2009

Focaccia genovese

Un altro piatto tipico dei miei fine settimana è la pizza.
Quando studiavo a Padova, almeno una volta a settimana andavo fuori a mangiarla, oppure la prendevo per asporto; la consuetudine è poi continuata nei mesi a Trieste, ma poi l'arrivo in Svizzera è stato traumatico da questo punto vista! È davvero difficile trovare una pizza degna di questo nome qui, soprattutto nel paesino in cui abito; quindi, con l'aiuto della mia amica Geppina, napoletana doc (...e per un certo periodo mia compagna di avventure qui in terra elvetica...), ho imparato a farla in casa!

Tuttavia questo fine settimana ho deciso di fare una piccola variante sul tema: invece di una pizza ho voluto provare una focaccia... e cosa c'è di meglio che cominciare con la classica e buonissima focaccia genovese?

Ingredienti:
* 350g di farina 00
* 20g di lievito di birra
* olio extravergine di oliva
* sale fine e grosso

Preparazione:
1 Sciogliete il lievito in un bicchiere di acqua tiepida ed impastatelo con la farina, un pizzico di sale e un cucchiaino di olio. Lasciate riposare l'impasto per 45 minuti.

2 Disponete la pasta su una teglia bassa e larga (come quella della pizza) unta d'olio e lasciate lievitare per un'altra mezz'ora.

3 Schiacciate la pasta con le dita per renderne la superfice irregolare, versatevi dell’olio extravergine e cospargete con del sale grosso. Infornare a 200° per circa 20 minuti. In realtà dopo 15 minuti l'avevo guardata e sembrava molto indietro, così l'ho lasciata in forno altri 10 minuti, ma credo siano stati troppo perché si è un po' seccata: 20 minuti dovrebbe essere il tempo migliore!

Tanti auguri a Maya che oggi fa 2 anni!

9 commenti:

  1. Che bellezza questa focaccia!! E come rinunciare ad una buona pizza fatta in casa...questo ci sembra un'ottimo compromesso!
    bacioni

    RispondiElimina
  2. grazie Manu e Silvia!! eh Sì, era proprio buona, da rifare! ciaooo! S.

    RispondiElimina
  3. che buona la focaccia..lamia gnoma me la chiede ma non riesco a trovare il tempo...quasi quasi la mando da te ;)

    RispondiElimina
  4. quando ho visto il titolo del post (dai link sul mio blog) mi sono preeeeeeeeeeecipitataaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!
    La adoro!
    Senti, io passo a prendere la gnoma della Lo e arriviamo insieme in gita da te, va bene?

    RispondiElimina
  5. Ciao Lo, certo! Dì alla Gnoma di venire quando vuole! e anche tu Golosastra!! Vi aspetto!
    ciaooo
    S.

    RispondiElimina
  6. complimenti!! golosissima!! bacioni!

    RispondiElimina
  7. buonaaaaa , mi piace tantissimo , baci!

    RispondiElimina
  8. Uno dei miei cavalli di battaglia ;-) Bellissima anche questa sezione dedicata alla mia terra. Grazie!

    RispondiElimina

Lascia un'impronta passando di qui...

i più cucinati della settimana

Related Posts with Thumbnails

ipse dixit...

  • meglio un asino vivo che un dottore morto! (zia laura)
  • quel che non strangola... ingrassa! (zia laura)
  • non ti curar di lor, ma guarda e passa (dante alighieri)
  • the most important thing is to enjoy life - to be happy - that's all that matters (Audrey Hepburn)
  • ho imparato tante cose qui... non solo a cucinare, ma una ricetta molto più importante: ho imparato a vivere. Ho imparato ad essere qualcosa di questo mondo che ci circonda, senza stare lì in disparte a guardare... (dal film Sabrina)
  • ergastolo in vita! ai lavori "sforzati"! (zia laura)
  • "calandra" (cioè cassandra), verace sempre, creduta mai... (zia laura)
  • tutti i nodi vengono al petto (laura)

gocce di rugiada

  • one step at the time
  • siamo qua tre giorni con ieri l'altro
  • chi semina vento raccoglie tempesta
  • chi semina raccoglie
  • chi si ferma è perduto
  • tutto il mondo è paese
  • meglio soli che male accompagnati
  • meglio tardi che mai...
  • aiutati che il ciel t'aiuta
  • finché c'è vita c'è speranza
  • cuor contento ciel l'aiuta!
  • gratis et amore dei
  • via il dente, via il dolore!
  • chi si accontenta, gode!
  • sursum corda!